P.le Giovanni dalle Bande Nere 11, Imola (BO) - e-mail: perledonneimola@gmail.com

Centro Antiviolenza: cell. +39 370.3252064 centroantiviolenzaimola@gmail.com

Parlano di noi

Nuovi orari per il Centro Antiviolenza

Il Centro Antiviolenza dell’Associazione ha ampliato i propri orari di apertura.

Da febbraio 2017 il centro è aperto nelle seguenti fasce orarie tutti i giorni, dal lunedì al venerdì:

 

  • lunedì dalle 9 alle 12
  • martedì dalle 15 alle 17.30
  • mercoledì dalle 9 alle 11.30
  • giovedì dalle 14.30 alle 17.30
  • venerdì dalle 9 alle 11.30

 

 

Cresce l’Associazione, cambia il logo

L’Associazione ha scelto di rinnovare la propria immagine con una proposta più “fresca”, attuale e rappresentativa di tutte le attività in cui siamo oggi impegnate. In questi anni siamo cresciute per numero di attività e per dimensioni. All’Associazione si è aggiunto il Centro Antiviolenza e quest’anno il Centro di cultura femminile “LiberaMenteDonna”; i nostri eventi – di sensibilizzazione, di formazione e informazione – sono sempre più numerosi e si sono arricchiti di nuove collaborazioni. È per questo che abbiamo deciso di rinnovare la nostra immagine poiché il precedente logo, che ci ha permesso di farci conoscere e ci ha accompagnate fino a oggi, rappresentava solo uno dei campi in cui l’Associazione è attiva, il contrasto alla violenza di genere, lasciando non rappresentati gli altri (cultura, sensibilizzazione, formazione, partecipazione) in cui PerLeDonne è impegnata.

 

All’inizio del 2016 abbiamo così promosso un concorso di idee attraverso la pubblicazione di un bando rivolto alle studentesse e agli studenti di Istituti superiori di secondo grado di arte, grafica, design, comunicazione e alle accademie e scuole di grafica dell’Emilia-Romagna. Sono arrivate 159 proposte da tutte le province. Dopo un’attenta valutazione è stata scelta la proposta di Amalia Coriani, studentessa del 1° anno del corso di Grafica pubblicitaria della Scuola Internazionale Comics di Reggio Emilia.

 

Per comunicare accoglienza, solidarietà e unione il nuovo logo si sviluppa in forma circolare. L’immagine richiama la figura di un fiore, composto da petali di colore diverso che simboleggiano le differenti attività svolte dall’associazione. Uno dei petali diventa, con l’aggiunta di un cerchio, una figura di donna con le braccia aperte a rafforzare l’idea di accoglienza, e allo stesso tempo comunicare apertura ed empatia. Il logo vuole arrivare a tutte le donne, senza differenze di età o etnia a favore della parità e della cultura che l’Associazione promuove. L’immagine comunica sicurezza e familiarità per sottolineare l’attività di ascolto e accoglienza che l’Associazione svolge.

 

Ringraziamo tutte le studentesse e gli studenti che insieme ai loro docenti hanno raccolto il nostro invito e hanno lavorato per presentarci le loro proposte. Il loro entusiasmo, la serietà con cui hanno elaborato le nostre indicazioni e l’ampia partecipazione al concorso ci ha piacevolmente sorprese e ancor di più siamo soddisfatte di aver portato, attraverso questo concorso, i temi dei diritti delle donne e del contrasto alla violenza nelle scuole, stimolando il dibattito tra le ragazze e i ragazzi.

 

Ingresso di PerLeDonne nel 1522!

Con lettera del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 15/10/2014 il Centro Antiviolenza PerLeDonne entra a far parte della rete dei centri collegati telefonicamente direttamente con il numero di pubblica utilità 1522.

ingresso in mappatura

comunicato stampa 1522

Convenzione di Istanbul

Dal 1 agosto entra in vigore ed è vincolante la convenzione del Consiglio di Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, meglio conosciuta come convenzione di Istanbul, in quanto presentata ad Istanbul l’ 11 maggio 2011.

convenzione Istanbul

Le vie della parità-Il nostro invito

La recente Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere della nostra regione (del.n.91 del 25 giugno 2014) afferma nell’art.8 comma 3 l’importanza di promuovere l’intitolazione da parte degli Enti locali di spazi pubblici, vie, strade, piazze, rotonde delle città dell’Emilia-Romagna a donne meritevoli ed esemplari che possano costituire modelli positivi per le nuove generazioni.

toponomastica